Bevi acqua del rubinetto ?

Sei una vittima della crisi economica, sostiene Gabriele Ferraris su “La Stampa”.

Mi spiace per lui che si sia trovato nella condizione di dover fare la spesa all’ipermercato comperando prodotti non di marca, mangi pollo perchè la cotoletta costa e beva acqua del rubinetto. Son cose gravi lo ammetto, serissime.

Comprare un prodotto di pari qualità ma di minor prezzo, mi ricordavo venisse insegnato nei manuali di economia domestica assieme al riciclare gli avanzi. Saranno manuali degli anni ’30 ma il consiglio appariva assieme a “gestire la servitù” e “far quadrare il bilancio famigliare”.

A quanto pare, andando avanti, siamo stati abituati a pensare che spreco=ricco. Se ho i soldi spreco, l’economia ed il riciclo sono caratteristiche da sfigaderos e poveri a meno che gli sia dato un nome fighetto quale “vintage”. Se è vintage fa figo, colto ed alternativo nonchè costa un macello. Se è “riutilizzo di vestiti usati” fa povero, extracomunitario e sfigato. Infatti il mio spolverino di Montana viene 1 euro se è preso al riciclo, 200 se è considerato vintage.

La qui presente si pone perciò alcune domande tipo:

1) Se il latte dell’Ins mi costa 45 cent al l e quello del supermercato minimo 80, il comprarlo ad 80 fa di me un ricco ? E se cosi’ è, perchè quello piu’ caro di Kaiser, supermercato non economico, costa 1,19 cent  a confronto dei 2 euro italici?
2) Se compro i prodotti id marca mi vengono i capelli splendenti e divento splendida ?
3) Se penso che l’acqua del rubinetto, oltre ad essere buona nella mia zona di Torino, mi evita anche la palla di riciclare bottiglie ecc, sono una sfigata povera o una che beve acqua perchè le piace ?

Adesso scusate, vado a bere un po’ d’acqua. Del rubinetto. E pensare che la bevevo anche prima dell’euro.

Pubblicato il 15 marzo, 2008, in Italica, Politica con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 5 commenti.

  1. “Adesso scusate, vado a bere un po’ d’acqua. Del rubinetto. E pensare che la bevevo anche prima dell’euro.”

    io ho cominciato a bere acqua del rubinetto anni fa quando si era guastato l’ascensore. Perche’ comperare acqua imbottigliata al supermercato, portamela a spassa dal supermercato a casa, farmi sette piani di scale quando posso piu’ semplicemente bere l’acqua del rubinetto ?

  2. Oddio, di questo passo ci ridurremo persino a mangiare torte e biscotti fatti in casa! Orrore e raccapriccio!

    Cmq l’acqua del rubinetto deve per legge passare seri controlli sanitari, per quella in bottiglia sono mooolto meno stringenti.

    (v. anche http://www.altreconomia.it/acqua/)

  3. @Mauro: urgh! 7 piani con un fascio di bottiglie sono un ottimo sostituto per la palestra😀

    @Quartz: non c’avevo pensato! Orrore, le torte fatte in casa!

  4. Sì e no. Mi spiego meglio.

    Per i miei genitori era importante che ci fosse la “robba” da mangiare. Se sei stata mai in un paese del Sud Italia, sai che importanza ha la roba.

    Comprare cibo in abbondanza era un modo per dimenticare la miseria e la fame che loro (come tanti altri) avevano patito.

    Era un modo per far sentire a noi che quel periodo era passato.

    Noi stiamo reimparando alcune cose dimenticate (la necessità di risparmarmiare, di guardare al centesimo al chilo, eccetera). Ed è un bene, intendiamoci.

    Ma è un brutto segno per questo paese.

  5. Daccordissimo con quartz, secondo me bere l’acqua del rubinetto è da “furbi” e stop🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: