Cerchiamo di essere razionali …

Non ho la minima intenzione di parlare della chiusura di Blogbabel, sia ben chiaro. Avendo seguito lo scambio di mail nel Googlegroups, il messaggio che hanno messo mi pare tra il pretestuoso e lo gne-gne “Adesso mi porto via il pallone” e ciò è tutto quanto mi passa per la testa al momento.

Cio’ a cui mi riferisco è cosa mi sta succedendo in questi giorni e che non riesco capire se sia effetto di “sfiga storm”, pura e semplice coincidenza oppure debba iniziare a pensare ad un pellegrinaggio ad Oropa.

Andando con ordine:

1) Fino a giovedi’ sera non avevamo mai, ripeto MAI, avuto un qualsiasi casino notturno. Giovedi’ notte si e’ scatenato uno tsunami di casini, fortunatamente non provocati da lato mio, ma subiti da questa side.
2) Visto che c’era uno tsunami in corso, per la legge di Murphy si è presentato il giorno in cui doveva esserci solo una persona. Fortunatamente, come in ogni tempesta che si rispetti, dopo gli augelli son tornati a cantare.
3) Venerdi’ Vista ha deciso che poteva anche non fare shutdown un paio di volte e si è spenta solo dopo una cortese richiesta tipo “estraggo la batteria”
4) Avevo bisogno di alcuni documenti. Sapevo di averli. Peccato erano da tutta un’altra parte, a circa 80 km. Dovevo recuperarli e, al posto di andare a casa a dormire, sono dovuta passare in sede.
5) Arrivata in sede mi sono accorta che avevo dimenticato l’alimentatore dal cliente. Fortuna che ho un cavo di scorta che mantiene il lapotopo a batteria ma non la ricarica.
6) Mi sono svegliata tardi, avevo deciso di fare la spesa con calma. Al mercato. Avevo anche finito il contante e sono andata la bancomat. Ho cercato di prelevare ma il diabolico strumento detto ATM ha deciso di innamorarsi della mia tessera e di non darmi i soldi. Fino a martedi’ se la tiene lui, sto stronzo.
7) Chiamo mia sorella chiedendo se puo’ prelevare. Non può, è al ps con mio cognato.
8 ) Tornando a casa, vedo una persona e mi pianto contro un palo per la sorpresa. Avevo sentito ogni tanto uno parlare sotto le finestre e avevo pensato “Toh, la stessa voce”. Oggi ho visto il proprietario della voce. Era un anno che non lo vedevo. Avessi voluto parlargli, credo che l’unica frase che sarebbe uscita sarebbe stata “UH ?!? What are you doing HERE ?!???”

Ora sto cercando di capire se sia meglio che mi compri un corno delle dimensioni di un vagone ferroviario o se basti un pellegrinaggio ad Oropa.

Pubblicato il 23 marzo, 2008, in Diaristica con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. vabbè, io in confronto sono ancora fortunatissimo allora!

  2. Congratulations, pensavo di avere avuto io la settimana più sfigata possibile, ma mi sono fermato solo al punto 4, a casa va ancora tutto bene :-))

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: