Categorie dello spirito: il portatore sano di scarpe dorate

Oggi ero in coda per i taxi a Milano quando, nel bailamme, mi e’ comparsa davanti una grade icona di sfashion: l’amante delle scarpe di Dirk Bikkembergs.

Partiamo da un concetto: esiste una serie di stilisti scarpaioli e modaioli nordici siano essi i disegnatori delle Trippen o Dries Van Noten. Poi esiste Dirk Bikkembergs.

Personalmente non ho nulla contro di lui ma molto contro le sue scarpe dorate ed i portatori delle sue scarpe di tinta normale ma con striscione in bella vista. Tendenzialmente mi sembrano ottimi candidati al premio “Come affondare il gusto senza sostituirlo con nulla di sensato”. Di peggio ci sono solo le sneaker di Gucci ossia quanto di piu’ orrendo si sia riusciti a produrre.

Prendiamo ad esempio il signore di stamattina: cartella The Bridge, vestito blu, faccia da pirla. Orrende scarpacce semi-sportive che con il vestito non c’entravano per nulla e pataccone d’orologio da 2 kg al polso. Sotto l’orologio, bracialettone in acciaio del peso di un bilancere da palestra.

In mano il Blackberry su cui controllava nevroticamente la posta. In parole povere un pirla.

Il ritratto perfetto del portatore di scarpe di Bikkembergs, soprattutto quelle dorate. Potrebbe anche essere il ritratto del portatore di sneaker di Gucci perchè il tasso di buon gusto è uguale ossia pari all’inesistente.

Siamo in presenza d quei casi in cui la moda va oltre la scienza e la religione per finire nel catalogo degli orrori visivi. Se a questo s’aggiunge che il portatore sano di orrori visivi riesce ad apparire pirla integrale, abbiamo anche il movente. Non e’ solo perchè siano di moda, e’ possibile che quella roba gli piaccia pure a prescindere dal ciarpame che e’.

Giuro di avere conosciuto un amante delle sneaker di Gucci. Per pieta’ non gli ho mai detto cosa ne pensassi ossia qualcosa tipo “Spero te le abbiano regalate perchè tra nastrino rosso/verde e disegnino beige e marrone suscitano pensieri suicidi”

Assieme a lui , in coda, una giapponese con calzettoni di filanca nera al ginocchio portati con gonna di voile ed alcune portatrici sane di fuseaux. Il meglio del meglio per farti rimpiangere Londra da profondo delle ossa.

Almeno la’ sono cool, qui si limitano ad esser burini.

Pubblicato il 10 maggio, 2008, in Italica, Realta' con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. The Bridge a parte, mi sembra la descrizione di Chiambretti, almeno per quanto riguarda le scarpe semi-sportive e la faccia da pirla.

  2. pork… ho appena finito di mangiare…😉

  1. Pingback: Scarpe « Ai margini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: