Perseguitati

Sui social network sembra sia scattata l’ora dei “pdlini perseguitati”, praticamente la copia fuffa 2.0 del genere “cattolicii perseguitati”.

Ora i cattolici perseguitati nascono dal terrore di una parte del cristianesimo di vivere in un Europa postcristiana dove non sono più cultura/identità sociale dominante.

Trovandosi contro voci diverse, con richieste che variano il limite dell’accettazione sociale, una parte di cattolicesimo, i cosiddetti cattolici non cristiani, hanno iniziato a tirar fuori la storia di essere perseguitati.
Ora ci sarebbe da ricordare che la persecuzione è l’ultima delle beatitudini, Beati voi quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e v’insulteranno e respingeranno il vostro nome come scellerato citando dal Vangelo di Luca, ma pare che la cosa fosse una beatitudine per il fondatore e lo sia un po’ meno per i suoi seguaci.
La questione “cattolici perseguitati” nasce anche dal senso di perdita di potere, dalla perdita di dominio sulle vite altrui basandosi sul controllo sociale.
La religione come legame con l’ente metafisico non c’entra per niente, al centro c’è la questione dell’accettazione sociale e della religione vista come collante sociale.
E’ una questione talmente sconnessa dal metafisico e dall’ambito della fede da avere quasi solo atei-devoti tra i suoi sostenitori.

Di cristiani perseguitati sul serio ne esistono, non in Italia però.

La questione “PDLini” perseguitati nasce nel momento di caduta di popolarità del governo e di una certa idea. Non essendo più dominante l’idea, non essendo più socialmente ed acriticamente accettato quanto dichiarato politicamente, nasce la paranoia da persecuzione.

Persecuzione praticamente impossibile stante che il PDL, pur in calo, è ancora forza di maggioranza ma il passaggio da “maggioranza silenziosa ed assoluta” a “maggioranza relativa e silenziosa” porta all’incrinarsi di alcune certezze, al punto da scatenare la paranoia da persecuzione.

Ora è chiaro che i cattolici non sono perseguitati anzi, per molti, il cattolicesimo è ancora collante ed elemento fondante dell’identità sociale,
Comincerò a credere che ci sia una reale diminuzione di potere della CC sulla società italiana nel momento in cui smetterò di sentirmi automaticamente definire come cattolcia per il solo fatto di essere italiana.

Non sono cattolica, sono persin scomunicata e non sono cristiana. Con tutto ciò sono e rimango italiana.
Non è difficile basta solo comprendere che italiano e cattolico non sono sinonimi.

Allo stesso modo, in questo periodo di paranoie persecutorie imperanti, mi arrivano frasi che, per me non cristiana, appaiono tra il paradossale e la rosicata.

Prendiamo la questione “moschee”.

A memoria mia, non mi ricordo di avere mai notato carenza di chiese, soprattutto cattoliche. Nel raggio di 1 km dall’edificio dove lavoro vi saranno, credo, 6 chiese.
Ora avendo questa situazione e non avendo questioni quali “osservanza di 5 momenti di preghiera al giorno”, mi piacerebbe capire perchè, di fronte ad una frase quale “qui dentro c’è una moschea”, debba immediatamente scattare la risposta “allora ci sarà anche una cappella”.
No, non c’è la cappella, è pieno di chiese qui attorno e, in più, se vuoi i 5 minuti di preghiera puoi anche stare in silenzio e non mi risulta che vespri e compieta siano di precetto.

Quindi ? Quindi siamo al rosicamento “Se c’è l’ha lui lo voglio anch’io” che precede la fase cattolici perseguitati.

Tranquilli ragazzi, non siete perseguitati. Se poi volete capire cosa sia essere fuori dal vostro cerchio, non avete che da chiedere e vi sarà spiegato.

Per adesso inizierei ad apprezzare molto il fatto di non essere arruolata nei cattolici solo per il fatto di essere italiana.

Sennò inizierò a strillare anch’io al “non cristiano perseguitato” ma, a quel punto, mi verrà detto che c’ho na gran fraccata di palle.

Pubblicato il 13 ottobre, 2009, in Cazzeggiando, Fuffa 2.0, Italica, Life, Universe and Everything, Politica, Realta', Riflessioni con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: