Parole e giorni

Passaggi indispensabili su di me
segnano lentamente
con le radici al cielo
inquieto sta
sopra le mie ragioni.

Ripetendo mille volte
perdita di se
ossessione dell’essenza
troppo fragile.

Portami con te
anni luce lontano, via da qui
s’aprono mille possibilità
per questa nostalgia.

Tanto tempo fa
in compagnia di altri esseri
ci guardavamo insieme crescere
come spicchi di luna.

(Belzebù, Radiodervish)

Si, lo sai, non è l’altro ma sei tu.

Tu che hai dentro una nostalgia infinita, tu che vorresti solo dire “Portami con te, anni luce lontano, via da qui”

Vorresti dire ma non dici

E ti limiti a guardare la luna, cercando di affogare una profonda, terribile nostalgia

Pubblicato il 26 gennaio, 2010, in Diaristica, Riflessioni con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Bella.

    Permettimi di risponderti con gioia, speranza e futuro:

    http://www.niccolai.cc/index.php?itemid=21

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: