Piccoli piaceri

Stanotte ho dormito in chissà quale posizione contorta e stamattina avevo il collo rigido. Non solo, avevo anche un sublime male in un po’ di parti del corpo.

PEr migliorare la situazione, mi ero vestita da primavera in un giorno in cui pioveva e c’erano circa 10 gradi. Una figata che migliorava la situazione.

E’ finalmente giunta l’ora di tornare a casa.

La strada che faccio per tornare a casa si affaccia su un parco e, oggi, ho notato per la prima volta le foglioline sugli alberi. Il parco sapeva di verde, odore che non saprei definire in altro modo, e di terra bagnata. Sapeva di primavera.

Per prima cosa ho alzato livemente la temperatura, levando l’umidità in giro.

Poi ho messo su ul tutone e mi sono sdraiata, rilassando i muscoli.

Poco per volta è arrivato il rilassamento, mentre la casa si scaldava e fuori smetteva di piovere. Poco per volta il male si è attenuato, passando da “male cane” a “qualcosa in sottofondo” e il mondo ha ripreso a girare.

E alla fine aveva smesso di piovere e c’era una nuvola col bordo d’argento.

Cose piccole, piccolissime. Piccolissimi piaceri per vivere meglio.

Pubblicato il 8 aprile, 2010 su Diaristica, Piaceri, Riflessioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

  1. l’altra sera sono uscita a stendere il bucato sul balcone (dopo mesi in cui non osavo farlo) e mi sono accorta che sono arrivate le rondini. Ho sorriso tutta da sola e sono rientrata in casa più leggera🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: