Italiani all'estero

Leggo su La Stampa le dichiarazioni di La Russa relative alla questione Emergency:

«L’ambasciatore italiano li ha incontrati in carcere e ha detto di averli trovati in buone condizioni di salute. Devo desumere che non siano stati né picchiati né torturati. Poi la storia del complotto non sta in piedi. Se le autorità afghane avessero fatto un imbroglio contro Emergency ci saremmo arrabbiati, anche se l’orientamento politico di Emergency è noto a tutti. Quanti esponenti di sinistra abbiamo salvato negli scenari di guerra? Ora la cosa più importante è garantire agli italiani il diritto alla difesa. Se venisse accertato che sono colpevoli, non potrebbero essere difesi solo perché italiani. Anzi il danno per l’Italia impegnata militarmente in Afghanistan sarebbe gravissimo».

Ora partiamo da un concetto semplice, basilare e lineare: un governo rappresenta tutti i suoi cittadini, piaccia a loro o meno, e l’orientamento ideologico del cittadino non deve essere neppure citato.

Neanche per sbaglio, neanche per caso io cittadino italiano all’estero debbo avere il dubbio che il mio governo si guarderebbe ben dall’intervenire se vi fossero pregiudiziali ideologiche.

Esattamente il contrario di una dichiarazione simile.

In secondo luogo, da che mondo è mondo, i governi tendono ad incazzarsi come delle iene se i loro cittadini vengono toccati. Perlomeno i governi dotati di un qualche senso.

Questa dichiarazione mi pare quella di un ultrà, non di un governante. Un ultrà politico che ben poco farà per far si che per quei cittaidni vengano compiuti i giusti passi per evitare qualsiasi casino.

Terribile poi il “suppongo non li abbiano torturati”. No caro, tu non devi “supporre”, tu devi essere certo che i tuoi cittaidni non sono stati torturati. DEVI AVERE LA CERTEZZA non supporre.

Perchè le beghe di condominio non debbono finire anche a 4.000 km d distanza, debbono rimanere nel nostro cortile.

Ancora più allucinante è come sui rischi che corrono quelle persone non vi sia una parola. Una frase sull’impegno militare ma nulla sui rischi, su cosa possa succedere e su quali possano essere i passi che saranno compiuti.

Il nulla, tanto l’orientamento politico è conosciuto, no ?

Pubblicato il 12 aprile, 2010 su Italica, Politica, Realta'. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. vediamo un po’… chi era al governo quando fu rapito Enzo Baldoni? Eh, Berlusconi. Chi stava agli esteri? Frattini. Non so te, ma io ho uno sgradevole deja-vu.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: