Del non sapere di cosa si parli ma scriverne lo stesso

Antefatto

Circa una settimana fa esce un post sul Telegraph ad opera di un cattolico conservatore. L’articolista è famoso per essere ostile all’ambito neo-pagan anglosassone e tira giù una concione su cosa sia e non sia la Wicca e vai coi carri.

Per i cattolici inglesi il problema è che il neopaganesimo è la 7ma religione per aderenti e quello a la crescita più veloce in UK.

La questione l’ho seguita sui blog USA/UK e la palma della risposta perfetta va a “Dead, Mad or Poet

A prescindere da chi partecip alla conversazione, le persone hanno idea di quale sia l’argomento e del fatto che siamo su un tema RE-LI-GIO-SO e non letterario.
Nessuno cita Harry Potter se non per sfottere o per caso o tra le possibile cause, i contendenti sono il neopaganesimo da una parte e i cattolici inglesi dall’altra. Nessuno accusa neppure l’altro di satanismo o altre cose.

Siamo in una discussione religiosa.

Fine dell’Antefatto

La cosa, che torno a ripetere, è di interesse se appartiene ad un determinato ambito religioso o se sei inglese, arriva in Italia e da discussione di carattere religioso, i giovani cattolici che diventano neopagan, diviene un incrocio tra una serie di cazzate, una barzelletta e “non sapere di cosa si parli ma farlo lo stesso”

Il primo che mi capita sottomano è preso Giornalettismo e iniziamo con l’ambito blogger (*). Già dal titolo ti cascano le gonadi e vai a raccoglierle in cortile: “Con Harry Potter sei diventata una strega? Ci pensa il Papa

Le domande che si son velocemente presentate alla mia mente sono state le seguenti:

  1. Cosa c’entra Harry Potter
  2. Fratello, hai idea di cosa voglia dire wiccan?
  3. Peggio ancora, da dove accidenti esce il papa, a parte nei tuoi sogni privati ?

Il testo di questo geniale articolo che nulla pare aver a che fare con il tema in questione, neopaganesimo e perdita di fedeli da parte di cattolici, è tra la comica e il non avere idea di cosa sia il tema. Infatti dice questo:
In Inghilterra è ormai emergenza nazionale: sempre più adolescenti cadono preda della tentazione stregonesca. Secondo la Chiesa Cattolica inglese, infatti, troppe giovani sono tentate dai culti esoterici della Wicca e delle Streghe, aiutate in questo da certa letteratura pericolosa e deviata del calibro di Harry Potter e dei telefilm sui maghi.
BRUCIATE LA STREGA! – Per questo, per correre ai ripari, è già in vendita un’edizione cattolica di “Wicca e stregoneria: comprenderne i rischi”.

Ora, a parte che l’emergenza nazionale inglese è la prima volta che la vedo e sarebbe anche da capire la ragione per cui uno la tiri in ballo, mi pare non così strano che una religione come il cattolicesimo tiri fuori quel genere di libretto.
La stessa cosa vale per l’edizione cattolica del libro che, detto come va detto, non esiste in nessun altro modo se non nella versione cattolica.Da come è stata messa mi aspetterei che è stata tirata fuori la versione cattolica dei libri di Garner. (**)
Tiriamo una pesante trapunta sulla questione “culto” perchè mi è chiaro che l’autore non ha la più pallida idea di quale sia la distinzione tra religione e culto.
Farei anche presente che le streghe venivano impiccate in UK e non bruciate.

L’unica cosa che ho chiara è che l’autore non ha la più pallida idea di quali siano i temi. Nessuna proprio ma gli veniva bene per sparare un titolo che contenesse le parole papa ed Harry Potter.

Fin qui in ambito “Noi blogger si che siamo informati, mica i giornalisti professionisti”.

Passiamo a TGCOM e non a caso perchè se Sparta piange, Atene non ride.

Già dal titolo: “GB, si è aperta la caccia alle streghe”. Giusto, una pubblica un libretto e, senza sapere come, un po’ di persone rischiano di essere impiccate ?
No, rischiano che gli sfrancichino i coglioni i con una predica ( “ insegna il know how, per una serie di eventualità, che pare non siano poi così remote: fra le quali, qualora si incontri una strega nella propria comunità, il come evangelizzarla.“)

Fino a qua c’è solo stato un accenno ai classici, con quell’occulto. Vuoi che non escano i classici ?
Ed infatti escono “spesso non consapevoli dei seri pericoli nascosti dietro a queste pratiche, in primis i legami con l’occulto e il satanismo
Ora i legami esistono nella mente dell’articolista che, dovendo in qualche modo sensazionalizzare la cosa, è riuscito ad uscirsene coi classici.
Tutto ciò dopo che per decenni qualsiasi persona abbia letto 1/2 libro sul neopaganesimo sa che son cose che rientrano nel settore “veementi e fragorose cazzate”.

Ma fin qui siamo ancora nel settore di giovine blogger e tg sensazionalista.

Arriva il vaticanista de La Stampa e, mi sia concesso, con uno che ha l’altisonante titolo di Vaticanista di quotidiano nazionale ho la vaga aspettativa che sappia di cosa si parli in campo religioso e a cosa ci si stia riferendo.

Ora troviamo i classici, troviamo le solite vaccate e battute ma abbiamo un articolo che declina la zero competenza sul settore specifico con la massima banalità.

Un panorama sconfortante, decisamente provinciale e con un livello di competenza nel settore di cui vorrebbero scrivere che fa ridere.

E, peggio ancora, un panorama che non distingue il professionista dall’amatore.

(*) noi si che siam migliori dei giornalisti professionali
(**) chi sia lo si trova su Wikipedia

Pubblicato il 6 febbraio, 2011, in Italica, Life, Universe and Everything, Realta', Riflessioni con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. che c’entra il papa ? se ricordo bene il papa attuale anni fa si era espresso contro i libri di HP. All’opposto curiosando nelle liste dei libri “proibiti” dell’Opus Dei i libri di HP risultavano leggibili da chiunque, mentre, a titolo di confronto, MondoDisco di TP poteva venire letto solo dopo averlo chiesto e ottenuto l’autorizzazione del proprio direttore spirituale🙂
    ciao

    • Ingnoro cosa c’entri il papa, credo sia qualcosa tipo “Un uomo per tutti i post”😀 Fantastica quella di Mondo Disco🙂 Anche se, a dirla tutta, Pratchett è ferocissimo nel satirizzare il cattolicesimo😉

  2. Annarella,
    siamo al solito abisso, un abisso tutto italiano tra mistificare e informare, con l’aggravante che la mistificazione è frutto dell’ignoranza e dell’approssimazione. Nel caso della carta stampata riguarda il riempire le pagine, credo nulla di più. Invitato dal tuo post mi informerò meglio sul neopaganesimo, religione che mi interessa per i miei trascorsi classici.
    Ti segnalo la discussione in atto sull’intervento di Cameron a Monaco a proposito del multiculturalismo: i giornali e le tivvù del Regno hanno appena iniziato il dibattito… sul significato della parola, sulle politiche in atto, sul senso della società liberale etc etc e che dibattito!
    Ho l’impressione che a qualcosa porterà, se non altro alla consapevolezza dei problemi, che è una delle cose che più (ai miei occhi almeno) differenzia la UK dall’Italia.
    Un caro saluto
    Il fra

    • L’informare credo sia ormai limitato ai necrologi e alla cronaca nera locale, il resto è una fumosa serie di interpretazioni ed opinioni mischiate ad un po’ di fatti😉

      Del discorso di Cameron ho sentito, credo sia in un filone europeo che mette in discussione multiculturalismo, integrazione e multietnicità. Spero anch’io porti ad una maggiore consapevolezza su cosa sta succedendo e su cosa realmente sono i problemi legati alle diverse etnie.
      Così perlomeno spero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: