Non disturbiamo anzi non interferiamo

La posizione del governo italiano è chiara come notte senza luna

Frattini ha infatti sottolineato la necessita’ che in Libia parta “un processo pacifico di riconciliazione nazionale che porti a una Costituzione”, cosi’ come ventilato dal figlio di Gheddafi, Said al Islam. Un processo che l’Ue deve si’ “sostenere”, ma in cui “non deve interferire” perche’, ha spiegato il ministro italiano, non sarebbe “rispettoso della sovranita’ e dell’indipendenza dei popoli”. Per questo, mentre si inseguono voci incerte sulla fuga di Gheddafi dalla Libia, Frattini ha avvertito: “Non siamo noi a dire chi deve restare chi se ne deve andare”.

Nel caso Frattini venisse preso dalla vaga intenzione di spiegare perchè siamo in Iraq e essere in Iraq, a quanto pare, è “rispettoso della sovranita’ e dell’indipendenza dei popoli” e, sempre da cosa ne deduco, lo è stato sin dall’inizio.

Invece la Libia no perchè non sarebbe “rispettoso della sovranita’ e dell’indipendenza dei popoli”

Scusate qualcuno può infilare una tuta da sci a codest’uomo e spedirlo ove fa meno danni ?

Pubblicato il 21 febbraio, 2011, in Italica, Politica con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 6 commenti.

  1. Annarella, o quelle sono frasi di una pilatesca ingenuità (che paral a nome e per conto del governo italiano che ci rappresenta) oppure questo candore nasconde interessi che sono chiaramente macchiati di sangue. Ed è questo che mi fa vergognare.
    Che si tratti di politica va bene, ma queste sono frasi di chi ha complicità. Siccome è il governo del mio paese, per quanto voglia spedirlo per intero a sciare, parla anche per me. Qui sì che bisognerebbe scendere in piazza… se non ora quando?!.
    Un saluto
    Il fra

  2. Il figlio di Gheddafi non si chiama Said ma “Seif al-Islam” che, pare, vuol dire “Spada dell’Islam”. Tanto per capire come è difficile capire…

  3. @Bubbo: dici che va pure a cavallo e gira con l’elmetto in testa ?

    @Fra: anche per me il principio è di vergogna, vergogna per una posizione che è di chi rappresenta il mio paese.
    Vergogna quando leggo che son persino circolate voci che la ns aviazione abbia partecipato al bombardamento di Tripoli. Una vergogna infinita per una diceria tremenda anche se smentita😦

  4. Dunque, stando alla Repubblica (giusto per evitare accuse) , si direbbe che le cose siano andate diversamente e che sia stato gheddafi a dire cosi’ e non Berlusconi.

    In ogni caso, ti faccio presente che il regime di Mubarak era l’outsourcing delle torture-interrogatorio per USA e UK, che i regimi algerini e tunisini erano sostenuti dai francesi: sai perche’ parlano cosi’ di noi? Perche’ devono distogliere l’opinione pubblica dal fatto che Mubarak era una LORO creatura, come lo era Ben Ali, come lo sono i rais algerini.

    Vivi all’estero, e sai benissimo con che cattiveria e con quale razzismo si parla degli italiani. Sapendo questo, sei libera di unirti al coretto degli sdegnati.

    Sappi pero’ che c’e’ gente che il coretto non lo vuole ascoltare, anche se ci sei tu dentro.Perche’ magari non ti piace vedere che chi ha rapito gente in Italia per farla torturare in Egitto dall’ amico Mubarak oggi venga a fare la verginella. Con la cattiveria e il senso di superiorita’ negli occhi.

    Uriel

  5. Annarella,
    Segnalo solo questo http://30secondi.wordpress.com/2011/02/23/libia-la-guerra-di-gheddafi-e-le-responsabilita-dirette-del-governo-italiano-in-carica/

    Non siamo nè peggio nè meglio di altri paesi coloniali, ma la nostra politica estera è inesistente e quando c’è produce trattati come quello con Gheddafi.
    Noi siamo responsabili, rendersene conto viene un po’ prima del dare uno sguardo sulle politiche degli altri (inglesi ed americani). Ma l’autocritica non è cosa da italiani.
    Il fra

  6. Annarella,
    Segnalo solo questo http://30secondi.wordpress.com/2011/02/23/libia-la-guerra-di-gheddafi-e-le-responsabilita-dirette-del-governo-italiano-in-carica/

    Non siamo nè peggio nè meglio di altri paesi coloniali, ma la nostra politica estera è inesistente e quando c’è produce trattati come quello con Gheddafi.
    Noi siamo responsabili, rendersene conto viene un po’ prima del dare uno sguardo sulle politiche degli altri (inglesi ed americani in primis). Ma l’autocritica non è cosa da italiani.
    Il fra

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: