Indispensabili applicazioni per letturai

Per qualche ragione che non ho capito bene, se sto leggendo su letturaio un libro coinvolgente tendo ad andare avanti ad libitum.

La mia teoria dice che tendi a non renderti conto del tempo che passa essendo il movimento per scorrere le pagine minimale, molto minore rispetto a quello del girare pagina con un libro cartaceo.

Così succede che qualcuno faccia le 2.30 perchè non si è resa conto del tempo che passava (*)

A questo punto sto cominciando a sognare un’app che faccia da alarm. Qualcosa che, giunta una determinata ora, tiri fuori un pop.up customizzabile, il mio sarebbe “Pirla, domattina sarai in coma”, chiuda il libro e spenga il Kindle.

Chissà se qualcuno ci ha già pensato, di sicuro per me sarebbe comoda.

Comunque, alla faccia del famigerato “odore della carta” che, per quel che ne so, non riesco mai a percepire a meno di libri molto vecchi, credo che col letturaio il numero di libri che si leggono aumenti esponenzialmente.
Sarà la possibilità di averne molti assieme, sarà la comodità del portartelo dietro, sarà che hai accesso quasi istantaneo a tutta una serie di risorse che possono andare dal classico più classico all’ultimo romanzo spegni-cervello, si finisce per leggere di più e meglio.
Per fare un esempio pratico: sto leggendo “Storia notturna” di Ginzburg su cartaceo (**). Ora il libro è interessante, avvincente e tutto quello che si vuole ma, se leggo la sera, faccio una fatica bestiale visto che lo hanno stampanto con caratteri microscopici.

Ce l’avessi sul letturaio setto la dimensione dei caratteri a seconda del bisogno e l’avrei già finito. In più ce l’avrei sempre dietro senza il bisogno infilarlo fisicamente nella borsa.
Eppure i libri “seri”, i saggi importanti che non siano di estrema attualità non si trovano in formato elettronico. Se ti va bene trovi una copia umma-umma scannerizzata, cosa che su molti letturai lo rende quasi illeggibile.
E ciò sul mercato americano, quello italiano è messo peggio perchè, nel caso improbo si trovasse qualcosa, devi fare esercizi acrobatici per riuscire a trasportarlo sul Kindle a meno che abbia il social drm.

Da ciò ne deriva che è più facile trovarsi a leggere su letturaio “La vita sentimentale di Vampiri americani” di “Totalità ed Infinito” di Levinas.

Saran scelte di mercato, sarà che il lettore di libri seri preferisce L’Odore della Carta ma rimane il fatto che non sono disponibili e, nel caso che lo siano, sono in inglese e a costi non proprio popolari (se ricordo bene 29$ su Amazon a fronte di un costo medio di 9$ per i vampireschi)

(*) Il record l’ho raggiunto facendo le 3, colpa dei Dresden Files
(**) Causa disponibilità sul mercato i libri “seri” che mi interessano li trovo principalmente in cartaceo.

Pubblicato il 21 giugno, 2011 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. Condivido il problema… per me e’ dovuto al peso del giocattolo: nettamente minore di molti libri. I crampi al braccio da lettura a letto si manifestano piu’ tardi nella notte.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: