Papua Nuova Guinea, solo andata (di polilli ed adinolfi)

Dopo aver letto le dichiarazioni di Adinolfi e Polillo mi son chiesta quanto costasse un biglietto per il Papua Nuova Guinea.

Ci saranno i cacciatori di teste, serpenti velenossimi e tutto quel che si vuole ma perlomeno stan zitti.

Il commento della mia vicina di banco, marito cassintegrato all’uscita di Polillo  (*): “Mio marito si accontenterebbe di lavorare il numero giusto di ore”.

Ora di Adinolfi sapevo, questo quì mi giunge nuovo e mi pare che giustifichi ampiamente l’opinione che avremo perso un clown ma abbiamo vinto un gruppo di tizi che esternano come cutrettole, con tutto il rispetto per le cutrettole

Stante i numeri della disoccupazione, cassa integrazione e vai elecando, dove se la sia sognata questo che riducendo le ferie aumenti il PIL non so.

Il dramma è che per arrivarci non ci va una profonda conoscenza della materia ma basta il buon senso.

Oppure emigrare in Nuova Guinea evitando come la peste qualsiasi esternazione del governo italico.

(*)”«Nel brevissimo periodo, per aumentare la produttività del Paese – ha spiegato – lo choc può avvenire dall’aumento dell’input di lavoro, senza variazioni di costo; lavoriamo mediamente 9 mesi l’anno e credo che ormai questo tempo sia troppo breve». Secondo Polillo, «se noi rinunciassimo ad una settimana di vacanza avremmo un impatto sul pil immediato di circa un punto»”

Pubblicato il 18 giugno, 2012, in Italica, Life, Universe and Everything, Politica, Realta' con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. Anche perche’ ho saputo che l’ultima moda in Italia e’ fare contratti part-time con orari full-time, stipendio mezzo e orario pieno….

    • Uhm, che io sappia è cosa che si fa da anni, credo di conoscere almeno due persone che sono in quella condizione.
      Diciamo che la creatività nell’inventare ste cose è notevole. L’usassero per scopi diversi dal fregare lavoratore, stato, ecc sarebbe meglio

      • Del resto spesso e volentieri gli straordinari non pagati sono una cosa relativamente frequente, salvo che questi ultimi spesso sono controproducenti. Uno studio fatto negli anni ’50 aveva dimostrato che nella meccanica di precisione aumentando oltre le otto ore l’orario lavorativo si aveva una diminuzione piuttosto rapida degli aumenti di produttivita` ottenuti.

        Allo stesso modo pagare la meta` del dovuto una persona di solito implica che il lavoro fatto da quella persona valga la meta`

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: