Evoluzionismo fiscale (oziose considerazioni su come cambian le tasse)

In un tempo lontano e felice esisteva una tassa detta ICI. Tale tassa dava molto fastidio a qualcuno al punto che la sua abolizione fu tema centrale della campagna elettorale di un partito.

Io pagato 49 euro.

Passarono gli anni, l’Italia entrò in recessione e ci fu bisogno di soldi. Un governo, detto governo Monti, pensò che una tassa sugli immobili fosse cosa buona e nacque l’IMU.

Gli italiani s’incapperarono come belve e fu una tassa estremamente impopolare al punto che la sua abolizione fu tema centrale della campagna elettorale di un partito.

Io pagavo 159 euro.

Visto che di sole promesse elettorali non si vive e i conti bisogna farli quadrare l’IMU prima casa fu abolita e sostituita dalla “service tax”.

Il partito che aveva fatto dell’abolizione dell’IMU gioì per la vittoria ottenuta.

Tutti si guardarono bene dal dire agli italiani che la Service Tax era un salasso da far rimpiangere IMU/ICI e compagnia cantante.

Sarà talmente impopolare che la sua abolizione sarà tema centrale della campagna elettorale di un partito.

Quel partito che fece di tutto per far abolire ICI e IMU.

Nei prossimi anni aboliranno la Service Tax e prenderanno direttamente possesso dei conti correnti.

A quel punto voglio vedere la campagna elettorale

Pubblicato il 28 agosto, 2013, in Italica, Politica, Riflessioni con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: