Ozioso elenco di meraviglie di Renzi scout

La qui presente è stata capo scout AGESCI. Ha avuto vari ruoli e, come chiunque altro si è ritrovata in situazioni tragicomiche, difficili, comiche e decisamente imbarazzanti.

Repubblica va a ravanare nel passato di Matteo Renzi in AGESCI e, ME-RA-VI-GLIA, salta subito fuori una cosa che avrebe reso orgogliosissimi Baden Powell e Mario di Carpegna (*).

Altro che Aquile Randage e Baden (**), qui abbiamo gente che cantava per scacciare i cinghiali.

Ora, come ex-AGESCI, ho provato un attimo d’imbarazzo perchè, sapendo come gira il fumo, suppongo che abbia avuto anche lui i suoi momenti interessanti.
Tipo giocare a cavallina e scassarsi i pantaloni da cintura a cintura oppure tornare da un campo o una route talmente odoroso da non avere problemi a trovare un intero scompaartimento libero.
Oppure lavoto pentole in un ruscello a mezzanotte perchè beccato in una tenda non sua, dentro un sacco a pelo non suo, impegnato in operazioni di co-educazione.

Capisco che la sigla AGESCI si porti dietro alternativamente l’idea di un branco di pii imbecilli o di superpeople che si fa 40 km al giorno con uno zaino da 20 kg sulle spalle (***).

A me, come ex AGESCI, un po’ fa ridere e un po’ irrita che un’esperienza educativa e formativa debba diventare strumento propagandistico.

Da come l’ha messa Repubblica tutto sembra meno che ciò che mi ricordo e ho vissuto.

A meno che abbiano tagliato il pezzo in cui si raccontava che, tornando dal medesimo campo, il suddetto Matteo salì in treno, si giro per lasciar spazio appoggiandosi alla porta del bagno. Non essendo fissata la porta si aprì e lui si trovò seduto sul cesso. Oppure che, durante la stessa route/campo il suddetto entrò in una doccia, trovò un barattolo di shampoo e, pensando fosse a disposizione, lo usò salvo rendersi conto – DOPO – che conteneva del detergente per bagni (****)

Questo era stare in AGESCI e vivere campi e route. E, fratellino caro, prima di usare un’esperienza che è mia come di milioni di altre persone, pensaci un attimo.

Puoi rottamare la politica ma non rottamare il ns essere scout.

(*) Uno dei fondatori dello scoutismo in Italia.
(**) Formazioni partigiane di scout cattolici
(***) Esistono e apparivano pure normali quando li incontravi.
(****) Fatti realmente accaduti

Pubblicato il 16 febbraio, 2014, in Politica, Realta', Riflessioni con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: